Home | Azienda | Servizi | Offerte | News | Immagini | Dove siamo | Download | Contatti | Area Aziende | Area Privati | Lavora con noi | Area riservata
Studio Casa - News

Per informazioni, preventivi, richieste.

Tel. +39 070 884488
Fax +39 070 886464
E.mail: info@studiocasa.info

  • Quartu Sant'Elena (Cagliari)
    Viale Colombo, 110
    Tel. +39 070 884488
  • Pirri (Cagliari)
    Via Santa Maria Chiara 74
    Tel. +39 070 513044
14/05/2007
FISCO: RUTELLI, ICI NON E' UN PROBLEMA

"L'Ici e' una tassazione percepita dai ceti medi-bassi come odiosa. Chi ha un reddito basso se ne accorge eccome. Non facciamo l'errore di pensare che sia un problema che riguarda i ricchi". Lo ha sottolineato il vice premier e leader della Margherita, Francesco Rutelli, intervenendo al convegno dell'Ulivo indetto per l'insediamento del Laboratorio sulle politiche familiari, esprimendo nuovamente il proprio parere su un tema che ha creato qualche dissapore nel governo e nel centro sinistra. Rutelli ha messo in guardia sulle "rigidita'" che si stanno manifestando nel mercato dell'abitazione. "Non abbiamo una flessibilita' nella politica dell'abitare -avverte il vice premier- e stiamo tornando ad una rigidita' come negli anni '60-'70. Noi ci occupiamo di politiche sociali, politiche della famiglia e la politica della casa e' solo un aspetto, ma forse il primo", sul quale si puo' trovare una "sintesi" delle posizioni all'interno della coalizione di governo che, a parere di Rutelli, "puo' essere discussa insieme per elaborare una soluzione condivisa". Nei giorni scorsi Rutelli aveva sostenuto che una parte dell'extra-gettito fiscale doveva essere utilizzata per abolire l'Ici sulla prima casa. Sul fronte opposto invece Matteoli (An) sottolinea come Romano Prodi ha fatto promesse vuote agli italiani. "Possibile che nell'Unione solo Rutelli si sia accorto che Prodi straparla e fa danni al Paese e alla sua coalizione, possibile che lo lascino solo?" Lo chiede il capogruppo di An al Senato Altero Matteoli. "Piu' si avvicinano le amministrative, piu' Prodi teme il tracollo. Ecco spiegate -aggiunge l'esponente di via della Scrofa- le promesse elettoralistiche lanciate oggi a raffica che non manterra', come quelle sulla diminuzione delle tasse, della spesa pubblica, di nuovi ammortizzatori sociali, peraltro in contraddizione con la mancata abolizione dell'Ici". "Che credibilita' puo' avere Prodi quando parla di diminuire il peso fiscale dopo che ha fatto approvare una Finanziaria tutta tasse, non necessaria, che ha bucato le tasche dei cittadini soprattutto dei piu' deboli, dopo che ha furbescamente occultato il maggior gettito di circa 37 miliardi di euro affluito nelle casse dello Stato nel corso del 2006, salvo metterlo a disposizione dei ministri di spesa. E quale considerazione si puo' avere di chi come Prodi, dopo aver moltiplicato ad inizio legislatura il numero dei ministeri ed aver formato il governo con il piu' alto numero di ministri e sottosegretari, ora si accorge che i dicasteri sono troppi e che serve la loro ristrutturazione". "Sono vuote promesse elettoralistiche -conclude Matteoli- che il presidente del Consiglio non potra' mantenere, stretto com'e' nella morsa dei tanti partiti che gli impongono scelte a difesa di interessi loro, a scapito di quello di tutti".
© Copyright 2022, Studiocasaimm S.r.l. p.i. 03223370929 - Tutti i diritti riservati.